Sportello antiusura
SPORTELLO DI ASCOLTO

Apertura dello sportello antiusura a Cecina

Lun, 20 Settembre 2021

E' stato firmato il protocollo di intesa per l'apertura dello Sportello di Ascolto, un progetto che l’Amministrazione Comunale di Cecina ha voluto fortemente, tanto da inserirlo tra gli obiettivi del Piano di Sviluppo di Cecina.

Presenti alla cerimonia delle firme Don Marcello Cozzi, presidente Fondazione Interesse Uomo, e Silvia Menegatti, referente Presidio Libera di Cecina che, insieme all'Assessore Domenico Di Pietro, hanno sottoscritto l'accordo.

Lo sportello di ascolto nasce per i sovraindebitati e le vittime di usura, per essere pronti ad individuare con immediatezza i bisogni di tante persone che stanno subendo gli effetti della crisi a causa della pandemia e che hanno difficoltà a onorare gli impegni economici assunti. 
Proprio in questa delicata situazione di passaggio tra l’emergenza sanitaria e sociale e l’accenno di ripresa bisogna battere sul tempo l'aiuto immediato dell'usuraio, sia esso di quartiere o quello più organizzato gestito dalle mafie, che spesso diviene scorciatoia e sostegno salvo, poi, mostrare il suo lato più oscuro.
La presenza dello sportello permetterà di lavorare per sostenere quanti, schiacciati dalle rate dei mutui e dei finanziamenti, non riescono ad arrivare alla fine del mese, dando loro ascolto e facilitando, in presenza dei requisiti richiesti dalla Legge 108/96, il loro accesso al credito bancario.
Gli operatori dello sportello affiancheranno e accompagneranno, in modo riservato e anonimo, le vittime di usura nel loro percorso verso la denuncia. 
Il presidio realizzerà anche, nelle scuole del territorio, percorsi di sensibilizzazione sull’uso responsabile del denaro, sulla gestione del debito e sul consumo critico e organizzerà convegni, seminari e dibattiti pubblici per informare e approfondire i temi legati all’usura e ai meccanismi di prevenzione.

 Per contattare direttamente e in riservatezza lo Sportello è possibile scrivere a areacentro@interesseuomo.org o telefonare al numero dedicato 0586 611200.