Comunicazione Inizio Lavori (C.I.L.)

logo cosa fare per - inizio lavori edili

AVVISO: DAL 1 LUGLIO 2017 NUOVA MODULISTICA REGIONALE PER PRESENTARE PRATICHE EDILIZIE

 

UFFICIO COMPETENTE

Comune di Cecina – EDILIZIA Piazza della Liberta’

da lunedi’ a venerdi dalle ore 8:30 alle ore 13:00

martedi’ e giovedi dalle ore 15:00 alle ore 17:30

MODALITA’ DI PRESENTAZIONE

Per la realizzazione delle opere di cui all’art. 136, comma 2, alla Comunicazione di Inizio Lavori devono essere allegate le eventuali autorizzazioni obbligatorie relative alle normative specifiche per l’intervento in progetto.

Per gli interventi di cui al comma 2, lettera a)  e lettera g)  , il deposito della  C.I.L. è accompagnato da una relazione  tecnica provvista di data certa e corredata degli opportuni elaborati progettuali, a firma di un tecnico abilitato, il quale asseveri, sotto la propria responsabilità, che i lavori sono conformi agli strumenti urbanistici approvati e ai regolamenti edilizi vigenti. 

Il deposito viene effettuato tramite posta – Raccomandata AR - o consegna diretta all’Ufficio Protocollo del Comune, o tramite PEC.

A SEGUITO DELL’ENTRATA IN VIGORE Della L.R. 65/2014 SI EVIDENZIA QUANTO SEGUE:

La mancata Comunicazione dell’Inizio Lavori, oppure la mancata comunicazione asseverata dell'inizio dei lavori, comportano la sanzione pecuniaria pari a 258,00 euro. Tale sanzione è ridotta di due terzi se la comunicazione è effettuata spontaneamente quando l’intervento è in corso di esecuzione

REQUISITI

Il deposito  deve essere effettuato dal proprietario o da chi è titolare di un diritto reale (usufrutto, uso, ecc.) sul bene immobile oggetto dell'intervento edilizio, ovvero da uno dei soggetti individuati come aventi titolo dal Regolamento Edilizio vigente.

DOCUMENTI DA PRESENTARE

Con Delibera della Giunta Regionale n. 646 DEL 19.6.17 è stata approvata la nuova modulistica regionale provvisoria. Dal 1 Luglio 2017 per presentare le pratiche di Comunicazione Inizio Lavori (CIL) si dovrà utilizzare esclusivamente tale modulistica.

Le versioni PDF/A editabili dei nuovi modelli unici regionali in materia edilizia saranno resi disponibili solo a seguito di approvazione dei moduli unici regionali definitivi cui si provvederà con successiva deliberazione della Giunta regionale, dopo l'adeguamento della L.R. 65/2014 alle modifiche del D.P.R. 380/2001.

NORMATIVA

Dpr 380/2001

D.Lgs n. 133/2014 convertito con legge n. 164/2014

L.R.T n . 65/2014

Regolamento  edilizio