Piano prevenzione della corruzione programma trasparenza integrità

La legge 190/2012 ha introdotto nell’ordinamento italiano un sistema organico di prevenzione della corruzione al fine di valorizzare i principi fondamentali di uno Stato democratico quali: eguaglianza, trasparenza, fiducia nelle Istituzioni, legalità e imparzialità dell’azione degli apparati pubblici. Sul piano operativo, il Dipartimento della Funzione Pubblica ha redatto il Piano Nazionale Anticorruzione (PNA) per indirizzare le amministrazioni pubbliche nella prima predisposizione dei Piani Triennali di Prevenzione della Corruzione (P.T.P.C.).

Sulla base dei riferimenti normativi e operativi, il Comune di Cecina, tenuto conto del proprio contesto interno e della peculiarità delle sue funzioni, a partire dal 2014 ha redatto il P.T.P.C., quale strumento per sistematizzare il processo finalizzato ad una strategia di prevenzione della corruzione.

La legge 190 del 06.11.2012  prevede infatti che ogni amministrazione pubblica predisponga un Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione- PTPC , del quale costituisce parte integrante, il Programma Triennale per la trasparenza e l’Integrità, aggiornati annualmente.

Entrambi i piani sono oggetto di aggiornamento entro il 31/01 di ogni anno.  A tal fine i cittadini o altre forme di organizzazioni portatrici di interessi collettivi, la RSU e le OO.SS. territoriali, possono presentare eventuali proposte e/o osservazioni di cui l’amministrazione potrà tener conto in sede di aggiornamento dei Piani.

I risultati della consultazione saranno valutati in sede di stesura definitiva del documento. 

Il PTPC deve, infatti, considerarsi un documento dinamico che, alla luce dell’esperienza maturata e delle difficoltà manifestate sia orientato all’adeguamento dell’attività dell'ente ai principi di legge favorendo, quindi, l’implementazione di un modello organizzativo improntato ai principi dell’etica e dell’integrità.

Articoli correlati: